Tag: 5 stelle

tu chiamale se vuoi … elezioni

Vado, non vado? Se vado chi voto? Se vado ma non voto mi faccio certificare che non voto, ma se me ne vado al mare? No via mi sento in colpa, ci sono persone che hanno dato la propria vita affinché potessimo scegliere tra Renzi, Grillo, Berlusconi …  ;-( Si  c’è la lista Tsipras, ma tanto chi se la fila? Ma no,  se tutti ragionassero come me nessuno andrebbe a votare, ma io chi sono? E poi nella Lista ci sono alcuni nomi che non mi convincono. Allora dovrei tenermi tutta la merda che c’è sempre stata per colpa mia che ho sempre votato la Ka$ta anche se non ho mai votato un partito di maggioranza e comunque #TantoVinconoLoro. E se fondassi un mio partito?  Questa si che sarebbe una svolta, ma come si fa? Oddio io un blog ce l’ho, anche più di uno a dire il vero. Sono realmente  incensurata, non sono collusa, ormai non mi collude più nessuno da quando ho messo su qualche kg di troppo, forse dovrei fare palestra. Ma no il fisico non serve,  molti politici hanno qualche kg da perdere, se poi diventassi  figa come la Boschi mi direbbero che sto in politica perché l’ho data via, opto per lo stile culona like Merkel style. Mi serve un nome, Lista Ancarola, Movimento delle 5 Sabrine  .. ma dovrei trovarne altre 4 … Forza Bel Paese! oddio sa di formaggio, potrei proporlo a Sabrella Sant’Atroce. Al nome posso pensarci più avanti, intanto dovrei impegnarmi nel  rilasciare qualche dichiarazione su facebook e su twitter tipo: “Io sono contro, fanno tutti schifo”  m’indigno, mi faccio un paio di selfie contro quello e quell’altro, copio-incollo da altri, se sbaglio dico che non è colpa mia e chi fa la spia non è figlio di Maria. Poi recluto adepti, i delusi sono tanti non dovrei faticare, prometto che nel giro di pochi anni sconfiggerò il cancro, la calvizie, l’eiaculazione precoce, butterò fuori tutti questi mafiosi di merda, eliminerò “per sempre” i peli superflui, manderò via Napolitano e pure Clio con i suoi make up (ah è un’altra Clio? .. fa lo stesso, tanto sarà collusa con qualcosa pure lei, forse è nel racket della Kiko). Assicurerò un lavoro per tutti, un tetto e le tette, sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno, ogni Cristo scenderà dalla croce anche gli uccelli faranno ritorno (mi sa che su questo dovrei lavorarci se no la Siae m’incula sui diritti d’autore). Poi quando ci saranno d’affrontare temi caldi come l’immigrazione, la liberalizzazione delle droghe, l’aborto, l’eutanasia, la crisi e i diritti della comunità LGBT dirò che non possiamo mantenere più questi gay musulmani migranti disoccupati incinti fatti e suicidi, che di loro se ne dovrebbe occupare l’Europa e a proposito di Europa dirò che dobbiamo uscire dal continente, ritagliare la catena montuosa delle Alpi e delle Dolomiti e galleggiare un po’ più verso l’Atlantico risalendo sopra il Portogallo per andarci a posizionare sopra la Francia, così manderemo la nostra merda a quegli spocchiosi dei nostri cugini francesi. Basta Euro, torniamo alla Lira, al limite anche alla Cetra. Forse dei fenomeni sociali ci ho sempre capito poco, ma credo di comprendere quello che viene chiamato bipolarismo politico e secondo me la mia idea è fattibile, di stronzate in giro ne vedo delle peggiori. unnamed

Movimento 5 Padelle

“Abbiamo la rete e anche il materasso, possiamo fondare un nuovo partito, io sarò la voce e tu l’eminenza grigia, per cui da adesso smettila di tingerti i capelli.”

“Si ma credi che sia il momento giusto? Insomma vedo che la politica ultimamente non ha molta presa … che ne dici di partecipare ad un talent per poi emergere dalla TV? Potremmo cominciare da Italian Next Top Model … no siamo anziani … IDEA! Che ne dici di Master Chef? I cuochi vanno per la maggiore adesso. Se riusciamo a bucare lo schermo ci sta che in futuro tu possa arrivare a fare cose grandiose come la pubblicità dello yogurt  ”

“Si ma dobbiamo renderci vendibili a tutti e allo stesso tempo dare l’idea di essere lontani dai soliti prodotti, dobbiamo dare ad intendere che siamo democratici caseari, ma che il fascismo proteico in fondo non ci fa tanto schifo e neanche la lega dei farinacei.  Dobbiamo raccattare un po’ tutto,  il malcontento c’è e per quanto lo yogurt sia trasversale dobbiamo creare un movimento più ampio. Master Chef potrebbe essere un ottimo trampolino di lancio.”

“Mettiamo sul tavolo 5 punti:

1: acqua bere comune

2: ambiente: l’insalata nelle varie stagioni

3: trasporto: cibi a km zero

4: energia: come cucinare senza forno

5: sviluppo: il soufflé, torte e pani lievitati

Potremmo chiamarlo Movimento 5 Stelle Michelin … no meglio studiare qualcosa di più popolare … Ho deciso: lo chiameremo Movimento 5 Padelle. Sono convinto che sia un’ottima idea, ma come riusciremo ad emergere? Voglio dire tu non hai mica il fascino di Carlo Cracco o di Joe Bastianich”

“Useremo la rete per denunciare il complotto sionista-massonico nelle cucine di tutto il mondo, organizzeremo un Vaffanculo Day contro l’Artusi e la vecchia politica culinaria, attaccheremo tutti al suono di chi non è con noi è contro di noi

“Dovremmo arrivare al cuore della casalinga di Voghera … fondiamo un blog  e usiamo una piattaforma ad hoc per controllare i commenti, primo obbiettivo: l’affossamento di  Giallo Zafferano. Poi metteremo in giro voci contro la Parodi e la Clerici, ritireremo fuori la notizia di Bigazzi e i gatti così da accattivarci anche le simpatie degli animalisti.”

“Bello, seminiamo il blog di pubblicità così ci tiriamo su un bel po’ di quattrini, controlliamolo noi e diciamo che quello è il portale ufficiale del movimento”

“Si ma in caso di un ampio successo come le gestiamo le voci contrarie ai carboidrati all’interno del movimento?”

“Epuriamo i puristi: uno vale uno ma il mio uno vale più degli altri. La carbonara è un valore sociale, ma noi c’inventeremo una ricetta senza uova, pasta, pecorino e guanciale e faremo credere che sia altrettanto buona. Dobbiamo fare in modo che la gente abbocchi”

“Cavalchiamo il signoraggio delle banche del latte, denunciamo la lobby delle multinazionali del cacao e del mais, facciamo un mash-up di rivendicazione culinarie giuste e altre infondate. Se nella rete ci sono ancora persone che dal 2007 credono all’allarme per i cibi avvelenati dai termovalorizzatori crederanno anche a noi”.

 logo M5S_q