Sabrarola History Channel presenta: Moira

Per quanto la scienza cerchi di spiegare molti fenomeni della natura ve ne sono alcuni  che rimarranno ignoti ancora a lungo e non mi riferisco alle scie chimiche, ai cerchi nel grano, agli U.F.O., a Nassy di Loch Ness o Al Bano da Cellino. Oggi vorrei parlarvi di una delle creature più mitologiche del pianeta e forse dell’intero sistema solare compresi i soliti universi paralleli e perpendicolari: Moira Orfei. Ebbene si Moira Degli Elefanti nata (già provvista di cofana) come Miranda nel Friuli 80 anni fa,  Madre Spirituale di tutte le Drag Queen inside e outside.  Fin dall’infinito passato è riuscita a domare elefanti, cavalli,  colombe, trapezi, acrobati e sopracciglia. Figlia di circensi ha da sempre  anticipato tendenze e mode esibendo meravigliose piume e boa di struzzo ere prima delle varie Dita e le altre sciampiste del Burlesque. Alcuni fomentatori della teoria del complotto la descrivono come un aliena, o una forma di vita artificiale. Certo non sappiamo cosa si nasconda dietro quel cerone, quei suoi nei e dentro quella sua capigliatura straordinariamente compatta (artefice principale del buco dell’ozono e del conseguente surriscaldamento del pianeta). Artista eclettica ha alternato la carriera circense a quella cinematografica lavorando con i grandi maestri del passato  da Pietro Germi a Totò per poi rifinire in bruttezza con Neri Parenti, Boldi e De Sica figlio. Celebre per la sua schiettezza e il suo abbigliamento ai limiti (sforati di gran lunga) dell’eleganza più sobria è stata più volte protagonista dei salotti televisivi brillando per … brillando.  Oggi il mondo intero dovrebbe onorare il suo genetliaco e non è sicuramente un caso che sia nata poco prima del Santo Natale perché Moira somiglia in modo straordinario al mio albero addobbato,  alle sfavillantissime luci del centro e alle vetrine dei negozi dei cinesi. Io l’adoro e desidero arrivare ad 80 anni così. La sua si che è stata una vita spericolata e esagerata, altro che Vasco!