Abbiamo partorito! “LaScia o raddoppia” il nostro ebook per aiutare gli alluvionati di Genova

Esce “LaScia o Raddoppia”, l’ebook sulle #sciechimiche scritto in 48 ore grazie ai social

IL CASO EDITORIALE – Giornalisti, autori e illustratori raccontano le chemtrails, tra cospirazioni, ironia e la critica di chi, dagli scranni del parlamento, dichiara: ≪Quando sento parlare di complotto climatico non mi sento rappresentato». Il ricavato sarà devoluto agli alluvionati di Genova

≪L’idea che chi muove da una posizione di sinistra debba essere più avveduto e intelligente è totalmente sbagliata». Forse è questo il motivo per il quale pure il Partito democratico si è occupato in passato della bufala delle scie chimiche. È di questo che si amareggia lo scrittore Fulvio Abbate nella prefazione di “LaScia o Raddoppia”, l’instant ebook edito da Round Robin Editrice e realizzato in 48 ore dal neonato collettivo artistico e letterario L’Anacaprina. In 108 pagine, un nutrito gruppo di giornalisti, autori e illustratori da ogni parte d’Italia – che si sono incontrati sui social network – affronta, più con ironia che con lo spirito della divulgazione scientifica, l’argomento spinoso del complottismo, che tra le file della politica italiana trova largo spazio.

“Complotti e cospirazioni nella politica italiana: storia delle scie chimiche dal centrosinistra ai grillini” fa da sottotitolo a un lavoro che spia gli argomenti più battuti nelle strade – neanche troppo difficili da trovare – del web credulone. E che negli ultimi tempi, forse anche per colpa dei microchip sottopelle di Ballarò-iana memoria, hanno preso piede nell’elettorato pentastellato. Sebbene la prima interrogazione parlamentare sulle celeberrime scie chimiche, sia datata 2003 e sia firmata da Italo Sandi, deputato dei DS a un passo dal grande salto verso il Pd. Cinque anni dopo, il 27 aprile 2008, il rocker Piero Pelù dal salotto di Fabio Fazio su RaiTre rilanciava l’accorato appello: ≪Promettimi che prima o poi parlerai delle scie chimiche». Il complottismo era diventato mainstream.

In “LaScia o Raddoppia” c’è spazio per Pelù come per Gianni Morandi, per gli esperti Paolo Attivissimo e Massimo Polidoro, per i parlamentari anticomplottisti – Tommaso Currò, in forze al M5S – e per i complottisti per eccellenza – Domenico Scilipoti, Forza Italia, ultimo in ordine di tempo a presentare un’interrogazione sulle chemtrails a Montecitorio. E c’è anche chi è fuori da qualunque schema, come il Divino Otelma, convinto sostenitore della tesi per cui ≪anche l’Italia non sfuggirà al Destino amaro che attende il Globo».

Curato da Alessio Arconzo, Luca Salici e Attilio Tomaselli, l’ebook affianca salaci illustrazioni e racconti onirici tanto quanto le sirene da salvare secondo talune deputate grilline. Ma assieme a tutto questo c’è un’analisi sul meccanismo di propagazione delle notizie false nel world wide web, colpa della troppa informazione più che della disinformazione. Una radiografia istantanea – realizzata nei giorni del grande raduno convocato da Beppe Grillo al Circo Massimo – che fotografa la comunicazione digitale e il suo universo. Gli intenti sono quasi tutti ilari, tranne uno: l’intero ricavato sarà devoluto in favore degli alluvionati di Genova.

Compralo subito in pdf > http://www.bookrepublic.it/book/9788898715268-lascia-o-raddoppia/ costo 4.99

Info: http://lasciaoraddoppia.tumblr.com/

cover

In Gianni Morandi We Trust

Settembre è il mese della rinascita e anche quest’anno sento l’esigenza di rinnovarmi. Ho iniziato una nuova dieta, sto valutando se comprarmi o meno un tapis roulant per poter camminare anche nelle giornate di pioggia, vorrei rinnovare il mio look, farmi un nuovo taglio di capelli e, soprattutto, trovare tanta serenità ma per farlo ho bisogno di una guida, di un Maestro all’altezza che possa sollevarmi lo spirito nei momenti grigi e farmi assaporare le vere gioie della vita con semplicità ed entusiasmo. Ho optato per diverse pratiche ascetiche,  ho fatto diversi tipi di meditazione, ho letto libri, fatto esercizi spirituali ma solo adesso posso affermare di aver trovato la Guida che farà di me una donna nuova: Gianni Morandi.
L’eterno ragazzo di Monghidoro è l’unico che possa farmi raggiungere uno stadio vicino al Nirvana, lui su facebook illumina il mio cammino e quello delle persone comuni come me a suon di musica, modestia e ottimismo.
Gianni Morandi ci fa riscoprire il gusto pieno della vita anche senza ammazzarci di Averna, lui coltiva l’orto, ama la sua famiglia, lo sport, il buon cibo, i selfie e le buone compagnie. Morandi è e rimarrà sempre il ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones, lui sorride sempre nonostante le brutture del mondo o le lezioncine di vita di Michele Serra. Non so se il suo ottimismo sia dovuto alla sua dieta o alle sostanze chimiche che usa per tingersi i capelli ma so che è contagioso e che siamo già più di un milione di adepti a seguirlo su facebook. Ogni giorno Gianni c’illumina con le sue foto e le sue parole come quando pianta la cicoria nel suo campo,  oppure quando presiede alla Festa della Madonna della Cintura a San Lazzaro di Savena. Gianni ci regala il caffè del mattino , le sue giornate al mare, le sue corse, le sue riflessioni e le tagliatelle al ragù. Morandi ci ricorda che la vita è preziosa invitando tutti ad indossare la cintura di sicurezza prima di mettere in moto l’auto,  ma soprattutto Gianni canta per noi come un cazzone qualsiasi davanti alla sua webcam. Lui stesso si definisce sorpreso dal successo della sua fans page ma in questo mare pieno di manie di protagonismo, urli e tanta violenza verbale il suo sorriso sui social network  è come la stella che ci guida verso l’isola che non c’è (anche se quella la cantava Bennato).
Io voglio bene a Gianni Morandi, io voglio essere come lui, allegra, generosa e tanto, tanto entusiasta della vita.

25 agosto, ore 13. Vi posto questa foto, mentre la nostra pagina supera un milione di fan. Se voi continuerete a seguire e a commentare senza annoiarvi, io andrò avanti con questo diario finché potrò o finché... non mi manderete a quel paese!  "Stiamo uniti"!
(tratto da facebook) 25 agosto, ore 13. Vi posto questa foto, mentre la nostra pagina supera un milione di fan. Se voi continuerete a seguire e a commentare senza annoiarvi, io andrò avanti con questo diario finché potrò o finché… non mi manderete a quel paese!
“Stiamo uniti”!