Tag: il mare

Sta arrivando l’estate … pauraaaa!!!

Cazzo devo nascondermi! Mi sento minacciata, non ho scampo …che faccio? Potrei ordinare la spesa online ma il fattorino potrebbe vedermi .. si però se me la faccio lasciare sul portone…

Maremma cellulitica devo pensare anche a mia figlia, lei vuole uscire, è logico è una bambina e ama stare all’aperto e più che altro ama stare al mare OMMIODDIOILMARE! ..come faccio a portarla? Mi metto un burqua?! Ho paura di soffocarci dentro. Potrei inventarmi delle scuse tipo che non sto bene, che il mare è chiuso, che c’è una legge speciale che impedisce ai minorenni di frequentare le spiagge, che c’è la classica invasione di cavallette .. Mi sa che non se la beve.. Per fortuna questo tempo di merda mi sta dando una mano a rimandare il peggio, già il peggio … Eppure non posso barricarmi in casa, devo anche andare a lavorare … avessero accelerato le pratiche per il telelavoro starei a posto ..

L‘estate è un periodo troppo difficile per me… che c’è?! Non capite la mia paura? Come fate anche voi a non temere la tanto sospirata prova del costume?! Io non sono mai stata bocciata a scuola, anche la patente l’ho presa al primo colpo e ho pure superato brillantemente tutti i test su Cioè, ma la prova costume no, non l’ho mai superata. Sono nata con la pancia sporgente e sporgente rimane anche quando sono distesa. Eppure mi sono più volte messa d’impegno ma niente, più di tanto non dimagrisco, anzi patire la fame mi fa ingrassare più che mai e anche la chirurgia mi fa una certa impressione, sono vigliacca vero? ..palestra?! Io odio la palestra … lo so io sono una pessima persona indegna di stare in questo mondo 😦

Eppure io non chiedo niente agli altri, per me possono essere magri, grassi, piccoli, alti, a pallini, o a zig zag e allora mi domando perché la Kellogs, la Danone, la Somatoline e altre marche ce l’hanno con me? Ci ho provato ma non ce la faccio proprio a diventare perfetta, sto invecchiando (mea culpa!), sono pure bassa e con tutti gli sforzi che posso fare alta non diventerò mai (e neanche magra).

Perché come donna mi s’impone di essere phyga in tutti i modi, in tutti i luoghi e in tutti i laghi (mari inclusi)? Io mica sono come la Marcuzzi e la Cucciari che vivono beatamente fra bifidus e pance sorridenti, a me le pance non dicono niente e il bifidus mi fa schifo, ecco l’ho detto! (Mica mi arresteranno per questo?!) Vorrei solo vivere in pace, guardarmi allo specchio e pensare che la mia pancia fa un pendant meraviglioso con il mio sedere e le mie poppe.

Anni e anni di autoanalisi, meditazioni, diete alternative, privazioni, rimonte, sorpassi (a no quello è il GP del Mugello), anni di rivendicazioni, di affermazione del ruolo della donna nella società, di lotte per le pari opportunità e di lotte contro gli stereotipi, eppure per la ciccia vengo condannata anche da alcune compagne femministe, perché si può essere diverse, ma grasse no.

Essere grasso è un peccato (mea culpa, mea culpa, mea grandissima culpa!) perché grasso è sinonimo di mancanza di carattere, di mancanza di forza di volontà. Non esiste neanche un battesimo laico che ti liberi da questa colpa originaria. Ogni giorno le persone come me vengono bersagliate da messaggi che ti fanno sentire inadeguata per questo mondo, anche sugli autobus ci sono cartelli che ci c’invitano, con tecniche sempre più all’avanguardia, a perdere i cm. Io sull’autobus ci ho perso un paio di volte il portafogli e mi sono girati altamente i coglioni.

Sono arrivata ad una impasse: o mi chiudo in casa e non esco fino ad Ottobre, oppure me ne fotto e esco mostrando le mie cicce e perché no, anche la mia faccia? (quella posso mostrarla vero? ..ah no ho le occhiaie, qualche imperfezione … mado’ che palle!).

A questo punto non mi rimane che pregare il buon Dio, sua Immensità .. immensità .. ma allora anche Dio è grasso come me! 😀

Ps anni fa ho scritto un post riguardo la prova costume, alcune donne che hanno commentato hanno scritto che preferivano andare in montagna proprio per non sentirsi giudicate. Anche io per anni ho evitato il mare ed ho patito il caldo vestita di tutto punto sotto l’ombrellone per paura di mostrarmi. Non voglio farlo mai più, non voglio che nessuna non si senta libera di mettersi in bikini e godere della bellezza del mare e della bellezza della propria unicità.