Tag: pomodori verdi

Per me lo so

Avessi avuto una vita normale sarei diventata una brava donna come Benedetta Parodi. Sarei stata attenta alla linea senza cercare di riempire i miei vuoti d’amore con strani vizi, mi sarei vestita perbene con tacchi all’occorrenza e avrei cucinato, a volte anche male, per i miei 2 figli e per mio marito come in ogni buona famiglia cuore che si rispetti. Invece qualcosa in me è stato deviato, dopo il primo fidanzatino avevo già capito che non potevo avere storie comuni, baciava malissimo ed era banale, somigliava a Claudio Baglioni, ma non quello bello di qualche anno fa, somigliava al Baglioni giovane soprannominato “Agonia” sputato sputato. Insomma è capitato che non abbia seguito certe regole non dette e non mi sia mai sposata, abbia frequentato artisti e sognatori e continui a farlo. Non mi sono mai sentita adeguata, alle medie non avevo fatto amicizia con nessuna bambina, ero grassa e non potevo permettermi vestiti alla moda, me ne stavo con i maschi, il nostro divertimento maggiore era andare per musei a Firenze il sabato pomeriggio. Se penso adesso a quello che fanno i ragazzini alle medie, a quanto siano vispi, realizzo quanto noi fossimo strani. L’inadeguatezza mi ha accompagnata in tutti i miei 44 anni in fila per sei col resto di due, ho sempre vissuto in bilico fra ironia e rabbia, cazzeggio a piede libero e saudade coatta.

 

 

Le ingiustizie sociali mi hanno sempre fatto incazzare, piango riguardando film come Nel nome del padre o Sacco e Vanzetti, non ho mai visto Pretty Woman, in compenso ho visto decine di volte The Blues Brothers e Pomodori verdi fritti (Towanda!).

Fin dalla nascita ho fatto di tutto per evadere dai miei obblighi, ancora adesso vado al lavoro, arrivo puntuale ed eseguo i miei compiti correttamente, ma sono altrove.

La musica mi ha aiutato e mi aiuta a viaggiare, un pezzo del mio cuore è marchiato Janis Joplin, l’altro Mercedes Sosa.

Evado scrivendo, evado sognando, ma non sono una tipa evasiva. Mi piace costruire con la mente, lasciarla libera d’inseguire qualsiasi tipo di pista annusi. Sogno continuamente d’innamorarmi di qualcuno o di qualcosa perché l’emozioni, come l’acqua, irrorarono le idee che mi si piantano in testa.

Gli uomini preferiscono le bionde ma poi sposano Benedetta Parodi.

Non ho mai avuto normali storie d’amore, forse sono stata amata, forse no, forse ho amato, forse no, probabilmente sono troppo complessa e complessata. Ma poi cosa vuol dire normale?

Ho visto le devastazioni di vite formalmente a modo che in realtà celavano mostri, rabbie represse, desideri di evasione talmente forti da sfociare in abomini.

Il conformismo può avere un prezzo caro.

Per me lo so e continuo così.