A mano a mano

Rino Gaetano non è stato solo un autore formidabile, impossibile non amare anche le sue interpretazioni

Un’altra stagione se ne sta andando, l’ennesima. Abbiamo perso e ritrovato il nostro amore infinite volte, un amore che appare adesso sempre più ingiallito come le tue dita che puzzano di tabacco, quelle stesse dita di cui mi ero innamorata. Dov’eravamo? Su quella collina in cui ci ritrovammo quella sera di Agosto a guardare le stelle. E adesso che ne è stato di quei due ragazzi che si baciavano sopra una vecchia Vespa? Quando abbiamo perso la nostra freschezza, la nostra luce?

Ci siamo ricoperti della polvere invisibile del tempo. I sacrifici, i figli, tutto per amore, per quell’amore che si è trasformato innumerevoli volte, che ci sembrava morto, ma è che sempre riemerso, ferito, usurato, ma che ancora resiste, nei miei occhi incorniciati dal tempo e nelle tue dita ingiallite che ancora mi cercano.

Sito con tecnologia WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: