Ri_flessioni della mente (poesia estiva)

Lento e inesorabile scivola

travagliato come una favola

Il tempo è un cavallo ostinato

guarda solo in avanti assennato

cammina frugando fra i ricordi

sommando la gente fra vivi ed i morti

Osservo chi si attacca avido alla vita

pensandola come cosa sua e infinita

colui che  non accetta la comune sorte

di lasciarsi cullar tra le braccia della morte

E’ da un lasso che aspetto quell’istante

in cui dalla esistenza lui sarà distante

Ma ogni volta è sempre un’amara sorpresa

legger sui giornali della sua incredibile ripresa

Penso: “cazzo ormai c’ha novantatre anni e rotti

che aspetta a perir il Senator Giulio Andreotti?”

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: