Tag: violenza sessuale

I don’t need feminism … non mi s’abbia a sciupà la messa in piega

What do we do with our lives
we leave only a mark
will our story shine like a life
or end in the dark
give it all or nothing

Ho letto che alcune squinzie americane hanno formato un movimento chiamato Women Against Feminism e hanno cominciato a postare foto sui social network con scritto il perché non hanno bisogno del femminismo. Mi sono fatta un giro in rete e ho letto alcune scritte, una tizia dice che non ha bisogno del femminismo perché non odia gli uomini, in effetti ha ragione: basta con queste femministe che odiano gli uomini!11!!111!!! Gli uomini poverini che colpa ne hanno se Dio ha creato l’uomo (e non la donna!)  a sua immagine e somiglianza? I maschi sono naturalmente esseri superiori e svariate femmine soffrono di questa invidia e pure di quella del pene, per questo non si depilano, comprano vibratori e hanno creato il femminismo!  Ho saputo che esistono femministe che hanno relazioni con i maschi,  immagino che  fuori dal letto nessuna pietà ♫ Parliamo poi delle lesbiche, per me essere lesbica non è una cosa naturale, secondo me quelle  trombano fra loro solo per far impazzire l’omo maschio, ma dico io a che livelli siamo? No no, io gli uomini li amo, non posso amarli ed essere femminista altrimenti si spaventerebbero e dopo di chi mi potrei lamentare?
Poi ho visto diversi cartelli in cui si legge: Non ho bisogno del femminismo perché non sono una vittima“, in effetti nemmeno io lo sono e quelle che lo sono se la sono andata sicuramente a cercare. Si sa che l’uomo è cacciatore, passionale, alcuni forse sono un po’ troppo focosi e non resistono a quel che tira più di un carro di buoi dei paesi tuoi, non è cattiveria la loro è che li disegnano così e quindi, anche se qua da noi abbiamo fatto delle conquiste (che poi vediamo se davvero sono conquiste) come il disconoscimento del delitto passionale e una qualche condanna verso la violenza sessuale, lottare per i diritti delle donne in altri paesi è un inutile spreco di energie, chi fa gli affari suoi campa 100 anni e io voglio vivere a lungo.
Mi sono imbattuta in questo altro  slogan: “Sosteniamo la parità di genere e non il dominio delle donne“, a me le donne che dominano fanno paura, pensate alla Merkel o alla Thatcher, le donne al potere hanno spesso causato disgrazie e poi diciamocelo chi di noi vorrebbe essere costretta a portare dei tailleur così orrendi?
Le migliori perle provengono dalla sezione White  Women Against Feminism perché bianco è meglio (anche se il nero sfina di più). Ci sono alcune ragazze preoccupate perché temono che le femministe le costringano ad abortire anche se loro vogliono avere figli, oppure che venga impedito loro di cucinare per i propri uomini. Di questo mi ero già lamentata con la presidentA BoldrinA qualche tempo fa, tutte le volte che mi metto ai fornelli tremo all’idea che possa entrare una femminista in casa ad aggredirmi mentre scolo la pasta, ogni volta che apparecchio per un uomo ho paura che la Boldrini irrompa nella mia cucina a sfracassarmi le ovaie perché secondo lei questo non si fa!
Ma torniamo un attimo su alcune famigerate conquiste fatte da queste femministe in Italia:
Il diritto al voto: ad ogni elezione io mi devo sbattere per recarmi ad un seggio, tirare fuori la mia carta d’identità (con la foto dove sono venuta malissimo) prendere le schede e mettere le crocette. Se non ci fossero state le suffragette mi sarei risparmiata questa fatica!
Parità salariale: perché dovremmo valere quanto un uomo? Non abbiamo la stessa forza fisica, siamo anche per questo naturalmente inferiori.
Divorzio: vi pare una bella conquista questa? Il divorzio è stato creato ad arte solo per poter mandare sul lastrico il proprio ex, altre motivazioni non ne vedo.
Leggi per gli asili nidi e il diritto alla famiglia: gli asili nidi sono traumatici per i bambini, la donna deve accudirli fino al 49° anno di età e le famiglie non necessitavano di nessuna eguaglianza fra i coniugi, la patria potestà spettava e dovrebbe spettare solo al padre altrimenti si chiamava madria potestà!
Leggi in materia di lavoro: le donne dovrebbero solo spicciare le faccende di casa per poter far trovare i pasti pronti, la casa pulita e i vestiti stirati per il marito e i figli, il punto è questo.
Interruzione volontaria della gravidanza: sulla Bibbia c’è scritto: “Tu Eva partorirai con dolore!” e questa conquista, come l’eventuale epidurale al momento del parto, va contro la volontà di Dio.
Violenza sessuale: in questa legge la violenza non viene più riconosciuta come delitto verso la morale ma verso la persona. Le femministe non hanno una morale, ecco perché hanno voluto fortemente questa legge.

Le conquiste che queste donne hanno fatto le stiamo pagando ancora e tutt’oggi ragionano di tutele, parità, pari opportunità e altre minchiate, che se ne stiano in casa a rammendare i calzini piuttosto!  A me il femminismo fa paura, se un giorno dovessimo anche noi avere un Presidente della Repubblica o del Consiglio donna dove andremmo a finire? Io voglio vestirmi e truccarmi, depilarmi le gambe e i baffetti in santa pace non andare a manifestare ad esempio contro quelli che non vogliono l’aborto, con questa umidità stare fuori mi rovinerebbe la piega!