La mia ordinaria quotidianità

L’autobus è sempre affollato e mai una volta che sia puntuale, certo anche oggi mi è capitato un autista con i riflessi di un bradipo in coma e poi che cazzo fa quel vigile,  non vede che coda che si sta creando, non sente i clacson?  Qua mi pare che  nessuno senta più niente e che l’amplifon  si stia arricchendo alle spalle nostre. Ieri ero stata a fare la spesa al supermercato …  ormai non riesco più a prendere i prodotti situati troppo in alto e neanche quelli troppo in basso, sto consumando solo  la via di mezzo, non mangio che rigatoni, tonno e pelati. Impossibile avvicinarmi al reparto del fresco, l’ultima volta che ci sono stata ho preso la broncopolmonite, ho passato giorni terribili e c’ho messo mesi prima di poter tornare al lavoro. Ricordo il ricovero in ospedale, io che ho dovuto aiutare il barelliere a salire sull’ambulanza, l’autista mezzo cieco, l’infermiera con il Parkinson e il medico in preda a colpi di sonno. Comunque sono una donna fortunata, i pannoloni sono nello scaffale intermedio ed ho pure un sacco di buoni da poter sfruttare. A Giugno andrò al mare, sto aspettando  queste ferie  da una vita, spero che l’albergo non sia troppo distante dalla spiaggia e che ci sia una passerella per accedervi anche con il deambulatore.  Ho sempre amato il mare ma adesso non riesco più a fidarmi ed evito di buttarmi in acqua,  le mie forze si stanno sempre più esaurendo e i bagnini spesso sono messi peggio di me.  Non reggo più gli orari dei mie turni, non ricordo più  cosa devo fare e a volte non ricordo più chi sono. Un paio di giorni fa ho preso l’autobus  sbagliato ed ho vagato in uno stato d’angoscia per ore, volevo chiedere aiuto, incontravo solo vecchi con l’Alzheimer e  i pochi giovani che vedevo per le strade erano mendicanti ridotti in uno stato pietoso, nessuno di loro aveva un lavoro o una qualche minima speranza.  Ho dato ad un paio di loro qualche euro e la mia porzione di semolino per farmi accompagnare  al lavoro, una volta arrivata il mio capo ha provveduto a farmi avere un provvedimento disciplinare a causa del mio ritardo … mi ricordassi almeno il numero del sindacato…mi ricordassi almeno a che sindacato sono iscritta … ma sono iscritta ad un sindacato? … Non ricordo, so solo che anche oggi 6 dicembre 2039 sto andando al lavoro e che l’Italia non è un paese per vecchi … ma neanche per giovani.

Annunci

Un pensiero riguardo “La mia ordinaria quotidianità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...