Confessioni di una zecca buonista

Ebbene sì lo confesso, sono una  sinistrata radical chic.
Faccio parte di un complotto organizzato dai poteri forti per bolscevichizzare il pianeta, anche se a dirla tutta in Russia fa freddo e a me Putin sta pure un pochetto sulle palle.  Sotto le mentite spoglie, di quella che a voi appare come una donna di mezza età con un mutuo da pagare e uno stipendio medio basso,  si cela l’identità di una persona ricchissima al soldo di George Soros.  Non mi lavo mai i capelli solo per fare un dispetto a quelli che non la pensano come me,  anche per questa mia indole dispettosetta  amo spesso sfoderare,  per suscitare invidia ai poveracci, uno dei miei tanti rolex  che il piddì mi ha regalato. Mi ritrovo di sovente  con i miei amici a farmi le canne nei centri sociali e a programmare  insieme la sostituzione  etnica. Proprio ieri sera abbiamo pensato  di sostituire il commerciante Ermenegildo Bianchi di Busto Astirzio con il prestante  trentenne camerunense  Segodi  Mogotsi  Jakande, la signora Bianchi ne sarà sicuramente felice. I giovedì andiamo in gran segreto alla Decathlon per confabulare il piano Kalenji. Le mie estati le trascorro sulle coste sicule e calabresi  ad organizzare le varie sostituzioni  razziali con i trafficanti e  di Uomini e Donne e all’occorrenza con qualche tronista di passaggio.
Sono anarcoide e amo l’accoglienza, infatti dico sempre: “Tutti a casa mia!” e poi ci sballiamo allegramente fra gli affezionati meticciati  perché siamo per la droga libera e il sesso libero. A noi la famiglia naturale non va bene e non solo perché ci piacciono i gai e le gaie, i patrizi e le patrizie, ma perché nelle famiglie naturali vediamo un chiaro limite. Per farvi un esempio trovate sia giusto che una donna con il seno rifatto non possa avere rapporti con un uomo, o una donna,  con una protesi all’anca?
Amo i bambini, in salmì.
Sono anarcoide comunista piddiota, all’occorrenza un po’ grillina perché coi primi caldi tendo a cantare. Odio il sovranismo perché ho mal di schiena e mi fastidia fare la riverenza ai sovrani.  Prediligo i circoli arci,  i clan destini  e le case del popolo, mi piace essere razzista con gli italiani, infatti agli italiani dico: ma che razza d’italiani siete? Eh?!?!? Eh?!?!?11
Fosse per me aprirei tutti i porti e pure il vini del Dão. 
Nonostante molti mi consiglino di prendere il malox,  se ho qualche disturbo al pancino, preferisco prendere una tisana venerando in tutta tranquillità la mia amatissima Dea Laura Boldrini. Alla vasellina preferisco il gel all’acqua che è più indicato per certe pratiche.  Chi risica non rosica e a me il riso piace e piace anche il Risiko, amo infatti immergermi nella mia vasca Jacuzia anche se devo appunto stare attenta a non bagnarmi i capelli.
E questo è tutto, bacioni!

7 pensieri riguardo “Confessioni di una zecca buonista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.